Contatta la redazione: redazione@condominiocaffe.it | Redazione 0803219961 | 3402464960

Arriva il Superbonus “selettivo”

Arriva il Superbonus “selettivo”

Con un decreto ad hoc il Governo vara il Superbonus 110% "di cittadinanza"

Frutto di un accordo all’interno della maggioranza in un pre-vertice a Palazzo Chigi, il Governo vara, con un decreto ad hoc, il Superbonus selettivo.

Il nuovo provvedimento non rappresenta una proroga de termini bensì una misura mirata volta a tutelare imprese e cittadini, soprattutto quelli più deboli che non dovranno restituire soldi per i lavori non conclusi e verranno sostenuti per completarli.

Il recente provvedimento segna una svolta importante nel panorama delle agevolazioni fiscali nel settore immobiliare italiano. Questa misura, che si distacca dalla precedente politica di proroghe generalizzate, è specificamente progettata per sostenere i redditi più bassi, in risposta alla mancata inclusione del Superbonus nella Legge di Bilancio 2024.

Ecco, in anteprima, le caratteristiche essenziali del nuovo decreto:

  1. selettività basata sul reddito familiare : la principale novità è la focalizzazione sulle famiglie a basso reddito. In particolare, il limite è fissato a 15.000 euro per i single, permettendo a queste famiglie di beneficiare del Superbonus al 110% per i lavori di ristrutturazione che verranno completati entro il 2024.
  2. riduzione del beneficio per ISEE più elevati : Per i nuclei familiari con un ISEE superiore, la concessione del Superbonus subirà una riduzione. Mentre precedentemente potevano usufruire di una detrazione fiscale del 110%, ora tale beneficio sarà ridotto al 70% per i lavori che proseguiranno nel prossimo anno.
  3.  sanatoria: si fornisce una forma di salvaguardia per coloro che non riusciranno a completare i lavori entro il 31 dicembre 2023. Questa disposizione implica che i beneficiari non dovranno restituire le somme già percepite sotto forma di incentivi. Inoltre, potranno continuare a godere del Superbonus al 110% per i lavori iniziati ma non ancora completati fino a quella data.

 

©Riproduzione riservata

A cura della Redazione

Ricevi le principali novità sul Condominio in tempo reale direttamente nella tua casella email. Iscriviti gratuitamente agli aggiornamenti di CondominioCaffe


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Ti possiamo aiutare?