Contatta la redazione: redazione@condominiocaffe.it | Redazione 0804136090 | 3402464960

Come semplificare le comunicazioni tra amministratori e condòmini? Bein la piattaforma che, attraverso SPID garantisce l’identità digitale dei condòmini e la legalità degli invii

Come semplificare le comunicazioni tra amministratori e condòmini? Bein la piattaforma che, attraverso SPID garantisce l’identità digitale dei condòmini e la legalità degli invii

Inviare e ricevere comunicazioni in digitale permette di risparmiare tempo e denaro. La piattaforma Bein raggiunge circa 100.000 unità abitative. L’età media di chi ha scaricato l’app e fa l’accesso con SPID è tra i 50 e 60 anni

Il processo di digitalizzazione è in costante accelerazione e coinvolge sempre più  la vita quotidiana delle persone.

Lo dimostra, ad esempio, il fatto che a partire dal 1° ottobre 2021 l’accesso ai servizi online della maggior parte dei portali della pubblica amministrazione non è più possibile con le specifiche credenziali, ma si potrà accedere solo con SPID, la CIE (Carta d’Identità Elettronica) e la CNS (Carta Nazionale dei Servizi) con appositi lettori. Secondo i dati Agid (Agenzia per l’Italia Digitale), ad oggi, sono quasi 25 mln gli SPID rilasciati.

È proprio in questo scenario in continua evoluzione che si inserisce Bein la piattaforma che, grazie al digitale, vuole semplificare le comunicazioni tra amministratori e condòmini, garantendo il valore legale delle missive cartacee. Questo è possibile perché l’accesso all’app viene fatto esclusivamente con SPID.

Ma quali sono i principali vantaggi di inviare e ricevere le comunicazioni condominiali in digitale?

Considerata la sfida posta dagli obiettivi europei di neutralità climatica previsti dall’Unione Europea entro il 2050, sicuramente uno dei vantaggi più importanti è che permette di eliminare i costi superflui e gli avvisi di giacenza a favore di una maggior sostenibilità ambientale. Grazie a Bein, scaricabile anche su cellulare (l’app è disponibile sia su Google store che Apple Store) infatti, ogni persona ha la possibilità di ricevere e inviare tutte le comunicazioni direttamente con il cellulare, in questo modo si evitano di stampare raccomandate e si riducono le emissioni di CO2, perché oltre e limitare i trasporti dei corrieri si evitano anche i continui spostamenti delle singole persone che, trovato l’avviso di giacenza, devono andare in posta per ritirare la raccomandata.

Un altro tema importante è quello dell’associazione dell’identità digitale con quella anagrafica legato al proliferare di identità digitali. Per rispondere a questa esigenza di sicurezza Bein prevede che l’accesso all’app venga fatto esclusivamente con SPID. Il vantaggio che ne deriva è che viene garantita l’identità digitale dei condomini e la legalità degli invii digitali.

Infine ma non meno importante l’utilizzo del digitale consente un risparmio economico. Non stampando più carta e non inviando più raccomandate i costi per gli invii delle comunicazioni a proprio carico diminuiscono, infatti Bein accredita solo il costo dei primi quattro invii digitali e poi basta.

Crediamo che il digitale possa dare un importante contributo nel semplificare le comunicazioni e attività legate al settore condominiale che coinvolge milioni di persone, ma che è ancora percepito come troppo burocratico e macchinoso. Siamo l’unica realtà privata in questo settore che utilizza lo SPID come strumento di identificazione per accedere alla piattaforma, scelta voluta per garantire la sicurezza dei nostri utenti” – spiega Sergio Stefanoni, Chief Innovation Officer di Bein “Il nostro obiettivo è quello di offrire realmente un servizio che risponda ai bisogni e alle esigenze delle persone, anche a quelle meno “digital friendly”. Oggi infatti  raggiungiamo circa 100.000 unità abitative e l’età media di chi ha scaricato la nostra app e fa l’accesso con SPID senza problemi è tra i 50 e 60 anni. Un dato interessante perché se da una parte ci rincuora poichè il servizio risulta di facile utilizzo, la riflessione successiva che suscita questo dato è che non ci sono molti giovani proprietari di appartamenti”. 

A cura della Redazione

Ricevi le principali novità sul Condominio in tempo reale direttamente nella tua casella email. Iscriviti gratuitamente agli aggiornamenti di CondominioCaffe


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Powered by WhatsApp Chat

× Ti possiamo aiutare?