Contatta la redazione: redazione@condominiocaffe.it | Redazione 0804136090 | 3402464960

I vantaggi di essere assertivi nella comunicazione con i condomini

I vantaggi di essere assertivi nella comunicazione con i condomini

Un tipo di comunicazione corretta può migliorare l'approccio che l'amministratore di condominio può avere nei confronti dei propri condomini

Quanto è dura avere a che fare con tantissime persone ogni giorno senza dover deludere le aspettative di nessuno?

In qualità di amministratore di condominio partecipi a tante assemblee di condominio e, di conseguenza, ascolti tante persone con opinioni, comportamenti ed atteggiamenti diversi tra loro.

Per questo motivo il tuo comportamento ed il tuo atteggiamento sono fondamentali per gestire al meglio la relazione con loro e per rendere meno stressante l’assemblea.

Ma come può essere gestita la relazione tra amministratore e condomini?

Comunicare in modo semplice ed efficace non sempre è facile!Spesso tra amministratore e condomini vengono fuori molti malintesi a causa della cattiva comunicazione verbale o, semplicemente, della non coerenza tra la comunicazione verbale e quella non verbale.

Uno dei metodi per cercare di esprimere in maniera chiara le nostre opinioni/pensieri, senza calpestare quelle degli altri, è utilizzare un atteggiamento assertivo.

Cos’è l’assertività? L’assertività è “una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni senza tuttavia offendere né aggredire l’interlocutore” […] “orienta le scelte e ottiene il consenso altrui”.
La comunicazione assertiva è in continua evoluzione e ci aiuta, sicuramente, a riconoscere e raggiungere i nostri obiettivi mantenendo una relazione sana con le persone che ci circondano.

La prima cosa che devi fare è entrare in contatto con le tue emozioni, comprendere quelle che stai provando in quel determinato momento per trovare un equilibrio tra loro.
Se un condomino tende ad alzare la voce e a prevalere, in base al tuo carattere, potresti reagire in due modi: arrabbiarti, quindi avere un atteggiamento aggressivo dicendo quello che non si pensa realmente, o stare in silenzio, diventando così una persona passiva.

Entrambe le reazioni sono sbagliate, il comportamento assertivo si trova al centro di questi due comportamenti.

 Perché essere assertivi? Avere un atteggiamento assertivo parte dall’ascolto e dalla comunicazione che deve avvenire in seguito ad esso. Per comunicare bene bisogna entrare in relazione con la persona che si ha davanti, per esempio capire i bisogni di un condomino, ma allo stesso tempo far capire quali sono anche i tuoi bisogni per poi scegliere qual è la via giusta da seguire.
L’assertività serve per mettere te e l’interlocutore sullo stesso piano, senza che l’uno prevarichi sull’altro. La comunicazione assertiva, infatti, ti permette non solo di esprimere le tue opinioni, ma di farlo tenendo conto delle emozioni che prova il tuo interlocutore.

L’amministratore di condominio deve rispettare i valori di quel determinato condominio e il pensiero generale, senza essere d’intralcio e senza permettere a qualcuno di prevaricare.

Suggerimenti pratici per avere un comportamento assertivo

Ecco dei piccoli esercizi che messi in pratica aiutano a diventare una persona assertiva:

  1. Individua l’emozione che stai provando in quel momento e trasforma queste emozioni in un’energia positiva che ti permetta di essere sincero, senza assumere atteggiamenti aggressivi o passivi. Ad esempio: se un tuo condomino sostiene che hai inviato delle rate onerose, anziché arrabbiarti considerandola un’accusa, cerca di capire che questo può nascere da un disagio personale del condomino, che magari ha dei problemi economici o non ha compreso i motivi delle attività sostenute dal condominio;
  2. Accetta che i tuoi condomini possano dire di no alle tue proposte. Non controllare i comportamenti loro e accetta le loro scelte. Nella comunicazione assertiva, assecondare la proposta sicuramente aiuta a creare empatia e ad instaurare un rapporto di fiducia. In questo modo sarà più semplice dare risposte positive in futuro e contrattualizzare nuovamente la proposta iniziale in precedenza rifiutata;
  3. Non confondere l’assertività con la necessità di dire sempre sì, soprattutto se ciò che dicono va contro i tuoi principi.Ricorda che se dici sempre di “si” agli altri, stai dicendo di “no” a te stesso. Questo comporta stress e nervosismo, due stati d’animo che sicuramente non ti aiutano nelle tante attività che devi svolgere, per questo potresti sostituire il sì con la frase “Sono d’accordo, ma…”;
  4. Non fare delle domande, ma delle richieste nei momenti in cui sei tranquillo e hai la loro attenzione. Ad esempio vuoi chiedere di iniziare una ristrutturazione della facciata perché il condominio ne ha bisogno? Bene, chiedilo tramite richieste assertive. Tu, in qualità di amministratore di condominio, sei il rappresentante legale del condominio e hai il diritto e le competenze giuste per proporre attività per il bene del condominio.

Usa l’assertività solo quando ne hai bisogno e non in ogni momento della tua giornata. Come ogni atteggiamento, anche quello assertivo, se usato spesso, non porta sempre ai risultati sperati.

In conclusione, possiamo affermare che la comunicazione assertiva aiuta l’amministratore di condominio a lavorare con tante persone con opinioni diverse riuscendo sempre a portare a casa qualcosa di positivo.

Multidialogo

tel: 800030695 assistenza@multidialogo.it https://www.multidialogo.it

Ricevi le principali novità sul Condominio in tempo reale direttamente nella tua casella email. Iscriviti gratuitamente agli aggiornamenti di CondominioCaffe


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Powered by WhatsApp Chat

× Ti possiamo aiutare?