Contatta la redazione: redazione@condominiocaffe.it | Redazione 0803219961 | 3402464960

Il mercato immobiliare rallenta, gli italiani si spostano sull’affitto

Il mercato immobiliare rallenta, gli italiani si spostano sull’affitto

Se le vendite freano, volano gli affitti. Ecco una sintesi del 3° Osservatorio sul Mercato Immobiliare 2023 di Nomisma

Il rallentamento del mercato immobiliare italiano, iniziato nel secondo semestre del 2022, ha acquisito una maggiore intensità nel corso dell’anno corrente. Secondo il 3° Osservatorio sul Mercato Immobiliare 2023 di Nomisma, le prospettive per il settore sono minacciate da una possibile estensione della situazione nel prossimo anno.

Il mercato immobiliare rallenta: analisi delle cause

L’erosione del potere d’acquisto delle famiglie italiane e le difficoltà nell’accesso al credito rappresentano le principali cause di questa situazione. La mancata indicizzazione dei redditi e l’aumento del costo del denaro hanno creato una improvvisa carenza di ossigeno per il mercato immobiliare italiano.

Questi fattori hanno generato un impatto significativo sul settore, influenzando sia la domanda che l’offerta. Il deterioramento del potere d’acquisto delle famiglie ha portato a una contrazione delle prospettive di acquisto di immobili, mentre le restrizioni nell’accesso al credito hanno complicato ulteriormente il panorama.

Le politiche creditizie più prudenti, unite alla frenata della domanda, si riflettono nei volumi di mutui erogati, con una diminuzione del -29% e una conseguente riduzione delle compravendite del -13%. Questo rallentamento evidenzia la sfida che il settore immobiliare italiano sta affrontando nell’attuale contesto economico.

Spostamento verso gli affitti

Le difficoltà nell’acquisto di una casa hanno aumentato l’interesse per il mercato degli affitti. Nel corso dell’ultimo anno, il 7,3% della domanda si è spostato dall’acquisto all’affitto, mettendo ulteriore pressione su un mercato già saturo.

Questo cambio di tendenza è indicativo di una dinamica in evoluzione nel comportamento dei consumatori, che cercano soluzioni flessibili e adattabili alle mutevoli condizioni del mercato immobiliare. L’affitto, in questo contesto, emerge come un’opzione attraente per coloro che cercano maggiore flessibilità e riduzione degli impegni a lungo termine.

Nel secondo semestre del 2023, le variazioni semestrali dei prezzi hanno registrato un range da -1,3% a +1,3%. L’interesse crescente per gli affitti ha portato a un aumento dei canoni del +2,1%, con incrementi significativi nelle principali città come Milano, Firenze, Torino e Bologna.

Queste variazioni riflettono l’adattamento dinamico del mercato, con una domanda che si sposta verso soluzioni più flessibili come gli affitti. La crescente pressione sui canoni suggerisce un’evoluzione significativa nelle dinamiche dei prezzi, con l’affitto che diventa un elemento chiave nella strategia abitativa dei consumatori.

Quali prospettive per il futuro?

Considerando i tempi medi di vendita, si osserva un trend decrescente negli ultimi 10 anni, con un’attenuazione della flessione nei primi sei mesi del 2023. Eccezioni a questa tendenza sono Bologna, Milano e Roma+, dove sono necessari meno di 5 mesi per concludere una trattativa.

Questa analisi della liquidità del mercato rivela una realtà complessa, con alcuni centri urbani che mantengono una dinamica più vivace rispetto ad altri. La velocità delle transazioni è un indicatore della robustezza del mercato in determinate aree, riflettendo la domanda e l’offerta locali.

Nomisma prevede un forte ridimensionamento del settore immobiliare italiano nel 2023, in particolare per il segmento abitativo. Tuttavia, sul versante corporate, le condizioni potrebbero essere favorevoli per un rilancio, anche se si prevede la persistenza della debolezza nel prossimo anno nel segmento abitativo.

Questa prospettiva indica una sfida continua per il settore residenziale, mentre le opportunità nel settore corporate potrebbero essere una luce in fondo al tunnel. La resilienza e la capacità di adattamento saranno chiave per superare le sfide e sfruttare le opportunità emergenti.

©Riproduzione riservata

A cura della Redazione

Ricevi le principali novità sul Condominio in tempo reale direttamente nella tua casella email. Iscriviti gratuitamente agli aggiornamenti di CondominioCaffe


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Ti possiamo aiutare?