Contatta la redazione: redazione@condominiocaffe.it | Redazione 0804136090 | 3402464960

Inquilino moroso? Niente IRPEF sui canoni d’affitto non pagati. Approvato l’emendamento

Inquilino moroso? Niente IRPEF sui canoni d’affitto non pagati. Approvato l’emendamento

Affitti: stop tasse Irpef se l’inquilino non paga. La novità del Decreto Sostegni.

Punti chiave:

  • Stop all’l’IRPEF sui canoni d’affitto non percepiti.
  • Le rate non pagate non concorreranno alla formazione del reddito fondiario.
  • Come funziona il limite temporale del 1° gennaio 2020?
  • Si allarga ai contratti già in essere l’esenzione dall’imposta per quanto non incassato dal proprietario.

In caso di inquilino moroso, non si pagherà l’l’IRPEF sui canoni d’affitto non percepiti, anche per i contratti  stipulati prima del 2020. 

Questa è una delle tante novità  contenuta negli emendamenti al decreto Sostegni bis già approvati in Commissione al Senato che ha terminato l’esame. Entro domani il testo è previsto in aula. Probabile la fiducia.

L’emendamento in questione, contenuto nella bozza del decreto Sostegni, già in circolazione da ieri,  è stato approvato dalle commissioni Bilancio e Finanze del Senato stamattina, ed ora è pronto per l’approdo per la discussione in aula, per l’approvazione definitiva.

La norma si riaggangia a quanto già previsto dalla precedente articolo 3-quinquies del decreto legge n. 34/2019, il quale prevedeva che il reddito fondiario indicato in dichiarazione dei redditi non dovrà tener conto degli affitti non corrisposti dal 1° gennaio 2020.

Vediamo come è strutturata la norma introdotta nel decresto sostegni bis:

  • la diposizione prevede la non concorrenza alla formazione del reddito fondiario dei canoni di locazione derivanti dai contratti di locazione di immobili qualora la mancata percezione degli stessi, a decorrere dal 1° gennaio 2020, sia comprovata da uno specifico atto introduttivo della verifica giurisdizionale della morosità (intimazione di sfratto per morosità o ingiunzione di pagamento);
  • la  nuova disposizione si applica ai canoni di locazione non percepiti a decorrere dal 1° gennaio 2020;
  • diversamente da quanto previsto nella previgente disciplina, sono esclusi dalla formazione del reddito fondiario i canoni non percepiti dal 1° gennaio 2020 ancorché derivanti da contratti di locazione di immobili ad uso abitativo e a prescindere dalla data di stipula dei contratti medesimi;
  • relativamente ai canoni di locazione non percepiti in data antecedente il 1° gennaio 2020 continua ad applicarsi la previgente disciplina in base alla quale gli stessi concorrono a formare il reddito fondiario del periodo d’imposta cui si riferiscono e per le imposte versate è riconosciuto un credito d’imposta di ammontare pari all’importo non riscosso come accertato nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità;
  • la nuova disposizione prevede l’estensione della misura anche per i contratti sempre ad uso abitativo stipulati precedentemente al 2020.

©Riproduzione riservata

A cura della Redazione

Ricevi le principali novità sul Condominio in tempo reale direttamente nella tua casella email. Iscriviti gratuitamente agli aggiornamenti di CondominioCaffe


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Powered by WhatsApp Chat

× Ti possiamo aiutare?