Contatta la redazione: redazione@condominiocaffe.it | Redazione 0803219961 | 3402464960

Nuove scadenze per le Certificazioni Uniche 2023: cosa cambia per gli amministratori di condominio?

Nuove scadenze per le Certificazioni Uniche 2023: cosa cambia per gli amministratori di condominio?

Novità per la presentazione delle Certificazioni Uniche 2023

L’Agenzia delle Entrate introduce importanti aggiornamenti sulle modalità e sui termini di presentazione delle Certificazioni Uniche (CU) per l’anno d’imposta 2023, mirando a rendere il processo più semplice e accessibile per tutti, inclusi gli amministratori di condominio.

Proroga al 31 ottobre 2024 per alcune CU

Per l’anno d’imposta 2023, le Certificazioni Uniche che includono redditi da lavoro autonomo “professionale”, e altri redditi che si dichiarano solamente attraverso il modello Redditi persone fisiche 2024, potranno essere inviate fino al 31 ottobre 2024. Questo termine esteso permette ai sostituti d’imposta di organizzare meglio la documentazione necessaria, senza fretta.

A partire dal prossimo anno, l’Agenzia delle Entrate richiede che tutte le CU, che includono redditi dichiarabili sia con il modello 730 sia con il modello Redditi persone fisiche, siano inviate entro il 16 marzo. Questa modifica vuole incentivare una pianificazione più accurata e una consegna tempestiva delle certificazioni.

Un invito speciale agli amministratori di condominio

L’Agenzia fa appello a tutti i sostituti d’imposta, compresi gli amministratori di condominio, affinché trasmettano le CU entro il 18 marzo 2024. Inviare le certificazioni in anticipo permetterà ai contribuenti e ai professionisti, come CAF e consulenti fiscali, di avere più tempo per la dichiarazione dei redditi, facilitando così l’intero processo dichiarativo.

Dall’anno fiscale 2025, si potrà usufruire della scadenza del 31 ottobre solo per quelle CU che riportano redditi non dichiarabili con il modello 730 o il modello Redditi persone fisiche. Questo include, per esempio, i redditi soggetti a tassazione separata, come gli arretrati e il TFR, che non rientrano nelle dichiarazioni ordinarie.

Impegno dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate si impegna a supportare amministratori di condominio, sostituti d’imposta e contribuenti nel passaggio a queste nuove scadenze. Saranno forniti aggiornamenti e assistenza per facilitare l’adeguamento alle nuove normative, garantendo che il processo sia il più semplice e chiaro possibile.

Per ulteriori dettagli e per restare aggiornati sulle ultime novità, si consiglia di visitare il sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.

I poteri e i doveri dell’Amministratore di Condominio. Un vademecum operativo

©Riproduzione riservata

A cura della Redazione

Ricevi le principali novità sul Condominio in tempo reale direttamente nella tua casella email. Iscriviti gratuitamente agli aggiornamenti di CondominioCaffe


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Ti possiamo aiutare?