Contatta la redazione: redazione@condominiocaffe.it | Redazione 0804136090 | 3402464960

Per il bonus facciate quale tipologia di bonifico bisogna utilizzare?

Per il bonus facciate quale tipologia di bonifico bisogna utilizzare?

Bonus facciate e modalità di pagamento: istruzioni per una corretta esecuzione

Alla luce delle utime novità, non proprio positive, l’esito del bonus facciate sembra quasi scontato, salvo colpi di scena in “zona Cesarini”.

Per tali motivi, ci si affretta a chiudere i lavori già avviati e contestualmente a pagare quanto pattuito.

Partendo dal presupposto che vi è l’obbligo per le persone fisiche non titolari di reddito di impresa di effettuare il pagamento con bonifico bancario o postale, alcune banche prevedono di default solo quattro tipologie di bonifici: ristrutturazione edilizia, ecobonus 110, bonus sisma, bonus mobili, ma non quello specifico per il bonus facciate.

In questi casi: per il bonus facciate quale tipologia di bonifico bisogna utilizzare?  A questo quesito “La posta di FiscoOggi”  ha precisato quanto segue: “nel confermare l’obbligo per le persone fisiche non titolari di reddito di impresa di effettuare il pagamento con bonifico bancario o postale, l’Agenzia delle entrate ha precisato (circolare n. 2/2020) che per richiedere il “bonus facciate” possono essere utilizzati i bonifici predisposti da banche o Poste Italiane Spa ai fini dell’ecobonus o della detrazione prevista per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio.

Nel bonifico occorre sempre riportare il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Se possibile, inoltre, è necessario indicare, come causale, gli estremi della legge n. 160/2019 (risposta a interpello n. 185/2020). Qualora non si potesse indicare tale riferimento normativo (perché, per esempio, non è possibile modificare la causale che indica, invece, i riferimenti normativi della detrazione per interventi di recupero edilizio o dell’ecobonus), l’agevolazione sarà comunque riconosciuta, a condizione che il bonifico sia compilato in modo da non pregiudicare il rispetto da parte degli istituti bancari o postali dell’obbligo di operare la ritenuta d’acconto a carico del beneficiario del pagamento”.

Risposta a cura di Paolo Calderone (Fiscooggi.it)

Il Bonus facciate in Condominio. Tutte le procedure da seguire. Ebook

©Riproduzione riservata

A cura della Redazione

Ricevi le principali novità sul Condominio in tempo reale direttamente nella tua casella email. Iscriviti gratuitamente agli aggiornamenti di CondominioCaffe


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Powered by WhatsApp Chat

× Ti possiamo aiutare?