Contatta la redazione: [email protected] | Redazione 0804136090 | 3402464960

Stop al Superbonus se non si è proprietari dell’immobile

Stop al Superbonus se non si è proprietari dell’immobile

Stop al superbonus se la spesa non sia stata effettuata da un familiare convivente (parente entro il terzo grado o affine entro il secondo) dei proprietari dell’immobile da ristrutturare.

L’Agenzia delle Entrate, tramite il canale Fiscooggi.it ritorna sulla questione dei benerificiari dell’agevolazione fiscale, restringendone i confini di applicabilità.

Nel caso di specie, si chiede se pur avendo la possibilità economica ad affrontare le spese per eseguire dei lavori di ristrutturazione di un immobile posseduto dai familiari ma di cui non si è proprietario, è possibile usfruire del Superbonus.

La risposta è negativa, a meno che il richiedente che sostiene la spesa non sia un familiare convivente (parente entro il terzo grado o affine entro il secondo) dei proprietari dell’immobile da ristrutturare.

Tra i vari soggetti che possono beneficiare del Superbonus rientrano le persone fisiche, relativamente alle spese sostenute per interventi di efficienza energetica realizzati sulle singole unità immobiliari fino a un massimo di due (articolo 119, comma 10 del decreto legge n. 34/2020). Le persone fisiche che sostengono le spese devono, però, possedere o detenere l’immobile oggetto dell’intervento in base a un titolo idoneo al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese, se antecedente il predetto avvio.

La detrazione spetta anche ai familiari del possessore o del detentore dell’immobile, individuati ai sensi dell’art. 5, comma 5, del Tuir (coniuge, componente dell’unione civile, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado), nonché ai conviventi di fatto (ai sensi della legge n. 76/2016), a condizione che sostengano le spese per la realizzazione dei lavori (circolare n. 28/2022).

Inoltre, questi soggetti possono richiedere la detrazione solo se:

  • sono conviventi con il possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento alla data di inizio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese ammesse alla detrazione, se antecedente all’avvio dei lavori
  • le spese sostenute riguardano interventi eseguiti su un immobile, anche diverso da quello destinato ad abitazione principale, nel quale può esplicarsi la convivenza. La detrazione, per esempio, non spetta al familiare del possessore o del detentore dell’immobile nel caso di interventi effettuati su immobili che non sono a disposizione (in quanto locati o concessi in comodato).

Fonte: fiscooggi.it

L’Amministratore di Condominio e il Superbonus. Dalla manovra finanziaria 2022 alle modifiche del decreto-legge 25 febbraio 2022 n.13

©Riproduzione riservata

A cura della Redazione

Ricevi le principali novità sul Condominio in tempo reale direttamente nella tua casella email. Iscriviti gratuitamente agli aggiornamenti di CondominioCaffe


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

× Ti possiamo aiutare?